Sembra strano e quasi irreale, ma è successo davvero. L’ennesimo blocco agli eventi (ed agli spostamenti) aveva messo nuovamente in crisi il settore fieristico che, diciamolo, con i webinar sta facendo un lavoro eccezionale, ma potersi ritrovare in presenza ha tutt’altro effetto. Quindi, questo nuovo post del blog torna finalmente a raccontarvi di una fiera a cui abbiamo preso parte in questa prima settimana di luglio. 

Raggiungere la sede dell’evento non è stato proprio veloce (o comodo), ma sicuramente crea una “nota di colore” da aggiungere prima di entrare nel merito del programma. Dopo aver creato i contenuti e le presentazioni da proporre, dopo aver recuperato tutti i documenti necessari al viaggio (visto di ingresso, tampone negativo e pass), aver preso cinque diversi mezzi di trasporto e gestito il fuso orario, siamo approdati in Russia per partecipare ad INNOPROM 2021.

La fiera nel dettaglio

INNOPROM è una fiera internazionale che si tiene ad Ekaterinburgogni anno a partire dal 2010. È la principale piattaforma di dialogo e confronto per quanto riguarda il settore industriale, il settore del commercio e quello dell’export. Le viene attribuita questa importante funzione e qualifica di “piattaforma” perchè permette di gettare le basi per le politiche industriali e commerciali del territorio della Federazione. È infatti ritenuta un progetto chiave per il Ministero dell’Industria e del Commercio. 

Il parterre di partecipanti è vario, ma circa l’80% dei visitatori si compone di professionisti che arrivano da tutto il mondo, veri e propri specialisti che lavorano per imprese strutturate e che prendono decisioni circa l’introduzione in azienda di nuovi prodotti e tecnologie. Più nel dettaglio si può dire che:

  1. la fiera mira ad organizzare un commercio equo fondato sulle priorità che guidano il mondo tecnologico ed industriale;
  2. è una piattaforma di cooperazione industriale e commerciale;
  3. gli eventi sono delineati sulla base degli interessi e delle opinioni degli esperti, così come sulla volontà di gestire tematiche rilevanti.

Le soluzioni 1C come prova

Una notizia che ci riguarda più da vicino è quella relativa alla decisione presa in seguito ad un meeting tra Denis Manturov, Ministro dell’Industria e del Commercio russo e  Luigi di Maio. In particolare, è stata confermata la partecipazione dell’Italia alla manifestazione, ma non come semplice spettatrice, anzi. La partecipazione è avvenuta nelle vesti di paese Partner, una scelta che ha avuto conseguenze estremamente positive. Questa decisione è riprova di un proficuo dialogo e di una volontà concreta di cooperazione tra le due entità. 

Dal nostro punto di vista (e nel nostro piccolo), siamo fieri di poter dire che 1C ERP sia stata invitata a far parte della delegazione italiana. Inoltre, facendo riferimento all’aspetto del dialogo e della cooperazione di cui abbiamo parlato poco fa, siamo felici di poter essere considerati un chiaro esempio di come Italia e Russia possano davvero lavorare congiuntamente. Questa dinamica è resa possibile dal fatto che la nostra azienda sia in grado di unire le migliori tecnologie informatiche russe nel campo dei software gestionali (grazie alla tecnologia proprietaria 1C Enterprise) e la capacità di gestire processi complessi – caratteristica che accumuna gli italiani.