Bentornati per un nuova puntata delle cronache di… 1C. Dato che ci fa sempre piacere condividere ciò su cui stiamo lavorando, oggi avremmo pensato di proporvi un concetto per noi estremamente importante: la produzione è indispensabile per la maggior parte delle aziende, ma deve essere gestita correttamente ed in modo coeso. È un po’ la stessa idea di “da grandi poteri, derivano grandi responsabilità”. 

In termini generali, a differenza di altri processi che caratterizzano i nostri prodotti, la produzione riesce a dare il meglio di sé nel momento in cui viene pianificata ed impostata da un soggetto competente in materia. Siamo dell’idea che i nostri prodotti possano aiutare qualsiasi individuo nella gestione dei processi aziendali, proprio perchè possono essere personalizzati e scalati in base alle esigenze, ma in questo caso serve una attenzione maggiore e, soprattutto, è utile poter partire da una base di conoscenza dell’argomento prima di procedere con le configurazioni più strutturate. In ogni caso, siamo qui per aiutarvi.


Perché riteniamo sia importante raccontarvi di questo concetto? Nel corso del tempo abbiamo notato che diverse aziende con cui abbiamo interfacciato, pur occupandosi concretamente di produzione (e con successo), non hanno mai utilizzato un software gestionale in grado di aiutarle attivamente nel tenerla sotto controllo con chiarezza. Di conseguenza, hanno gestito sicuramente un processo vero e proprio, ma non ne hanno una panoramica analitica. Questo gap, purtroppo, potrebbe generare del problema in alcuni casi. Per questo motivo, ci teniamo a farvi sapere che tutti i nostri ERP (indipendentemente dalla dimensione aziendale per cui sono stati creati) sono stati strutturati con la possibilità di inserire e/o esplicitare questo processo e, ovviamente, di scalarlo in base alle necessità aziendali.

Nel dettaglio, cosa intendiamo quando facciamo riferimento alla possibilità di scalare questo processo? Ci riferiamo al fatto che i nostri programmatori hanno concepito un programma totalmente customizzabile, il che significa che possiamo proporvi fino a tre diversi livelli di utilizzo della produzione in 1C:

  1. il livello base – si tratta principalmente della semplice gestione degli ordini di produzione (con relativa gestione delle scorte). Viene registrata l’avvenuta esecuzione di una produzione, così come i vari costi, i consumi di materie prime, di semilavorati ed il rilascio finale di prodotti.
  2. il livello avanzato – detto anche pianificazione complessa, che comprende la gestione delle risorse utilizzate, il controllo dei costi in tutte le fasi, l’impostazione del calendario, della politica contabile, dei reparti produttivi, dei centri e dei fattori di costo, le operazioni produttive e le distinte base.
  3. livello completo – naturalmente raccoglie al proprio interno tutte le  opzioni dei due livelli “precedenti”, a cui si unisce l’impostazione dei parametri per la pianificazione ed il controllo.

Cosa pensate di questa dinamica? Ritenete potrebbe essere utile per tutte le aziende oppure siete convinti che in alcuni casi se ne possa far a meno? Inoltre, ci piacerebbe sapere come la vostra azienda gestisce questo processo e se ci siano dei punti di forza ai quali non potete proprio rinunciare.

Nel caso voleste saperne di più, potete recarvi alla sezione “Produzione” in fondo alla pagina dedicata ai tutorial, oppure iscrivervi alla newsletter per restare sempre aggiornati!