Contabilità industriale

La contabilità industriale nel gestionale

La contabilità industriale attribuisce costi e ricavi sostenuti a diversi centri di costo, dai quali è composta la struttura aziendale, e ai singoli prodotti. Inoltre associa i costi a particolari elementi aziendali quali i processi o le commesse. Il gestionale vi permette di gestire la contabilità industriale in maniera semplice e integrata con i restanti processsi.

Cosa è la contabilità industriale

La contabilità industriale è il sistema di rilevazione delle attività svolte all’interno del reparto produttivo. Lo scopo primario è la definizione dei costi di produzione riferiti ai diversi articoli o commesse di lavoro. La contabilità industriale ha quindi lo scopo di controllare i costi aziendali a livello di processi, ordini, commesse e articolo. A differenza della contabilità fiscale e civilistica non è obbligatoria per legge.

Gli elementi della contabilità industriale

Mentre per la contabilità fiscale ci si basa unicamente su scritture contabili con partita doppia, per la contabilità industriale ci si basa sulle voci di costo e sull'aggregazione della stesse a livello di centri di costo, reparti e ordini.

Di norma, la contabilità industriale è collegata ad un sistema di contabilità analitica il cui scopo è definire i margini per linee di prodotto o canali di vendita. In questo contesto, per comodità, i termini contabilità industriale e contabilità analitica sono considerati sinonimi. In realtà si tratta di due aree contigue, ma non coincidenti.

La contabilità industriale considera in particolare i dati rilevati dai processi di produzione. In una fase successiva, incrociando i dati di bilancio con quelli di produzione, è possibile determinare i costi di produzione in base alla configurazione di costo prescelta.

La contabilità analitica, invece, focalizza l’attenzione sui costi indiretti, ovvero quelli che non sono direttamente collegati ad uno specifico prodotto o servizio, studiando il modo di identificarli e ripartirli in modo congruo. Per far questo, una delle tecniche più utilizzate in contabilità analitica è l’aggregazione per centri di costo.

Riepilogando possiamo affermare che:

  • Contabilità industriale: è l’insieme di attività che ha lo scopo di calcolare i costi di produzione;
  • Contabilità analitica: ha lo scopo di classificare e imputare i costi successivi alla fase di produzione per calcolare i margini di contribuzione in relazione ai diversi prodotti o canali di vendita.

Rimane in ogni caso il fatto che, in gergo aziendale, la distinzione tra questi due concetti è spesso sfumata, poiché i due sistemi sono tra loro comunicanti, ovvero:

  • per calcolare i costi di produzione servono dati contabili di tipo analitico;
  • per definire i margini sulle vendite è necessario conoscere i costi di produzione.

Voci di entrata e uscita

A livello di documento le registrazioni per la contabilità industriale vengono acquisite a livello di Voci di entrata e uscita. Si tratta di voci che permettono di definire dove caricare uno specifico costo o ricavo.

Centri di costo

Le voci di entrata e uscita potranno essere associate ad un determinato centro di costo. I centri di costo possono essere organizzati secondo una specifica gerarchia che permetteranno di capire meglio la pertinenza di costi e ricavi.

Come sono acquisiti dati e informazioni

I dati e le informazioni per la contabilità industriale sono acquisiti tramite i documenti allo stesso modo della contabilità fiscale. Le stesse informazioni contabili costituiscono la base per la contabilità industriale che però ha appunto uno scopo totalmente diversi.

Quali informazioni sono usate nella contabilità industriale

Ovviamente la voce più importante è il costo (o il ricavo) collegato ad una specifica operazione registrata da un documento sul gestionale. A questo si aggiunge il dettaglio dell'operazione, in particolare:

  • Il tipo di operazione
  • Eventuale ordine/commessa associata
  • Il reparto (o unità dell'azienda)
  • L'articolo specifico

Budgeting e contabilità industriale

Il gestionale permette di definire e controllare uno o più budget (detti Periodo di pianificazione). Grazie alla pianificazione del budget sulla base delle Voci di entrata e uscite, sarà poi possibile controllare la situazione in tempo reale.